Anniversario Afi Esca: uno sguardo al passato, analisi del presente e proiezioni per il futuro

Una scrivania in un piccolo ufficio. Da qui nel 2012 è iniziata l’avventura di Afi Esca In Italia, ed è con questa immagine che Donato Di Stefano, Responsabile della Direzione Commerciale Afi Esca, ha dato il via al suo intervento durante il Convegno annuale della Compagnia, intervento diviso in tre parti, il chi era Afi Esca, il chi è oggi e il chi vorrà essere domani.

La prima parte è stata emozionante, un video riassuntivo dei primi 5 anni di Afi Esca Italia per mostrare come la Compagnia sia cresciuta negli uomini, negli eventi e nelle idee. Riprendendo il significato del video, Di Stefano ha sottolineato l’evoluzione che Afi Esca ha avuto dal suo arrivo in Italia. Un’evoluzione a tutto tondo che ha toccato vari aspetti, quello commerciale ed economico, con una significativa crescita di fatturato costante negli anni, quello strategico, passando da un’offerta di un singolo prodotto, Protectim, ad una gamma molto più ricca completata nel 2017 con l’ingresso della nuova polizza Chapeau. E non solo.

Il 2017 è stato l’anno della conferma di Afi Esca, conferma che è passata in tutta Italia con Afi Esca On the Road ed Afi Esca Acadèmie, rispettivamente un programma di roadshow con tappe in tutta la penisola ed un programma di formazione sulle tecniche di vendita emozionale delle polizze vita. Programmi innovativi, creati appositamente per migliorare e consolidare il rapporto con i propri intermediari convenzionati. A lato delle iniziative fisiche della Compagnia, Donato Di Stefano ha illustrato le nuove iniziative pubblicitarie, di comunicazione e di marketing adottate dalle più classiche alle più moderne: WhatsApp, Facebook, LinkedIn, pubblicità di prodotto personalizzate; iniziative che hanno supportato le reti, le stesse reti che hanno votato online la Compagnia come “Miglior partner per le reti di distribuzione nella mediazione creditizia”.

Nell’ultima parte dell’intervento obiettivi ambiziosi e nuove strategie distributive hanno preso titolo. Il prossimo triennio sarà ricco di interessanti novità, l’ingresso nel settore della Cessione del Quinto dello Stipendio, gli sviluppi del front end per gli intermediari, l’innovazione nel mercato delle TCM e i nuovi prodotti, novità che siamo certi garantiranno alla Compagnia e agli intermediari una continua crescita economica e strutturale in linea con quella dei primi cinque anni.