Articoli filtrati per data: Dicembre 2017
Venerdì, 22 Dicembre 2017 09:32

Editoriale

Quello che avete davanti agli occhi è l’ultimo numero del 2017, un anno importante per Afi Esca Italia, come testimonia l'intervista fatta in "A Tu per Tu" a Pierfrancesco Basilico. Con il Direttore Generale di Afi Esca Italia cercheremo di capire cosa ci aspetta nel nuovo anno e azzarderemo delle previsioni fino al 2020. Nell’Attualità spazio al recente premio ricevuto in occasione del Leadership Forum 2017 e al nostro approccio al mondo della mediazione creditizia, per cui abbiamo coniato il termine “Mediassurance”. Per finire Focus On dedicato alla “Bancassicurazione”, dove vi racconteremo cosa stiamo facendo con il canale delle banche.

Non mi resta che augurarvi buona lettura, Buon Natale e Felice Anno Nuovo. Arrivederci al 2018.

Venerdì, 22 Dicembre 2017 09:02

Mai sentito parlare di "Mediassurance?"

Ancora un altro premio per Afi Esca Italia, a testimonianza dei risultati che la sede italiana sta ottenendo a distanza di 5 anni dall’arrivo nel belpaese. Stiamo parlando del Premio Leadership Forum 2017 che ha premiato Afi Esca “Per l’impegno a portare innovazione per le proprie Reti Partner". La cerimonia di premiazione, che ha visto Donato Di Stefano, Responsabile Direzione Commerciale Afi Esca Italia, ritirare l’attestato in rappresentanza della Compagnia, si è tenuta il 13 dicembre scorso, durante la tradizionale serata di gala, che ha preceduto il consueto appuntamento con il Leadership Forum 2017, evento dedicato al mondo della consulenza creditizia. E proprio nell’impegno e nella dedizione di Afi Esca per il mercato della mediazione trova la propria essenza la parola “Mediassurance”. Cosa significa? In sintesi, come recentemente sottolineato da Donato Di Stefano, il mercato assicurativo deve essere approcciato distintamente a seconda del mediatore creditizio cui ci si rivolge. In altre parole banche, agenti e mediatori hanno caratteristiche e dinamiche peculiari, che necessitano di un’analisi e un’attenta valutazione delle caratteristiche proprie di ciascun canale distributivo. Ed è proprio quello che abbiamo cercato di fare noi di Afi Esca Italia, definendo standard di operatività, di prodotto e di formazione diversificati e cuciti su misura in base alle esigenze dei singoli mercati.

Venerdì, 22 Dicembre 2017 09:01

Afi Esca e la Bancassicurazione

Afi Esca e il mondo banche. Prodotti su misura richiedono persone in grado di ascoltare le esigenze dei clienti, farle proprie e poi proporre la soluzione che più si adatta alle esigenze di ciascuno. Richiedono quindi consulenti . Questo vale nel mondo dei mutui, che da vicino interessa gli istituti di credito, ma anche in quello dei prodotti che lo assicurano, ovvero le cosiddette polizze CPI. Sulla base di questa premessa Afi Esca, ha scelto di distribuire i propri prodotti assicurativi attraverso banche territoriali, che seguono passo dopo passo i clienti, interpretando le loro esigenze e traducendole in offerte ad hoc. Da qui è nato circa un anno e mezzo fa l’accordo con Banca di Cambiano, cui viene affidata, per il tramite del broker VAANCE, l’offerta di una polizza a protezione del finanziamento targata Afi Esca. In questa direzione, si inquadra anche l’accordo siglato a inizio 2015 con Südtirol Vita & Danni, agente di Südtirol Bank, per la distribuzione su tutto il territorio nazionale della gamma di prodotti Afi Esca. E per rimanere in tema, proprio nei giorni scorsi, Pierfrancesco Basilico, in occasione della Convention Annuale degli agenti Südtirol Vita & Danni, ha presentato le ultime novità in materia di prodotti: da Protectim e Previconsò, rispettivamente polizze a protezione di mutui e prestiti personali, a Vivendo Élite, polizza dedicata alla tutela dello stile di vita della famiglia, fino a Vitruvio, la nostra polizza “Uomo Chiave”. Per tutte queste soluzioni assicurative la parola d’ordine è consulenza. Solo attraverso un dialogo costante con i propri clienti si possono trovare e proporre piani di tutela efficaci, dove le soluzioni assicurative possono integrarsi per proteggere a 360 gradi il consumatore. Per questo motivo Afi Esca fa della consulenza alla rete distributiva un elemento distintivo della propria offerta sul mercato.

Il 2017 è stato un anno molto significativo per la nostra Compagnia. Ecco perché ci permettiamo di chiudere "A TU per TU", con un’intervista a Pierfrancesco Basilico, Direttore Generale Afi Esca Italia.

Che anno è stato il 2017 per Afi Esca?

L’anno che si sta chiudendo è stato sicuramente molto importante. Possiamo dire che il 2017 è stato l’anno della svolta in quanto le scelte strategiche, operate già nel 2016 con la decisione di entrare nel mercato della CQP (Cessione del Quinto della Pensione), hanno dato i loro frutti appunto nel 2017, confermando la validità delle scelte operate. Scelte che ci fanno registrare anche per quest’anno un trend di crescita a tre cifre. Ma soprattutto questo è l’anno in cui gli economics in gioco ci consentono il raggiungimento del pareggio di bilancio con un anno di anticipo su quanto previsto. Anche dal punto di vista dello staff l’anno che si chiude vede una crescita. Abbiamo introdotto la figura del Compliance Manager, a dimostrazione che in Italia si cresce e si internalizzano figure che sono state sino ad ora in outsourcing; ed abbiamo ampliato e strutturato in maniera più efficace i reparti di gestione back office e amministrativo. Insomma dopo cinque anni dal nostro arrivo in Italia, il 2017 ha confermato la bontà delle scelte fatte, in particolare i buoni risultati ottenuti nel mercato della CQP, ci hanno portato a confermare il nostro ingresso anche nel mercato della CQS (Cessione del Quinto dello Stipendio) previsto per la seconda metà del 2018.

Crescita commerciale dovuta anche a nuove iniziative per la rete. Quali?

Esattamente. Parte importante del nostro successo è anche dovuto alla conferma di uno stile ed un approccio al mercato fatto di vicinanza e supporto agli Intermediari. In particolare tramite due iniziative importanti e innovative: Afi Esca On the Road e Afi Esca Académie. Nel primo caso si è trattato di un vero e proprio road show che ha visto lo staff commerciale creare occasioni di incontro e formazione su tutto il territorio con più di 150 Intermediari coinvolti in 5 tappe. E poi Afi Esca Académie, iniziativa nata dalla volontà di supportare i nostri Intermediari, Agenti e Broker, con una formazione basata su un approccio alla vendita dei prodotti vita più strutturata e coinvolgente, direi emozionale nei confronti del cliente finale. Del resto ci teniamo a sottolineare sempre che i nostri prodotti sono per così dire “su misura” e necessitano di un’analisi attenta delle esigenze del cliente.

Quali novità per l’anno nuovo?

Per il 2018 obiettivi ancora ambiziosi, con una importante crescita nella raccolta premi, un incremento ulteriore dei partner che distribuiscono i nostri prodotti, ed il consolidamento nel mercato della cessione con il lancio, previsto indicativamente per giugno 2018, della CQS. Per il mercato dell’intermediazione classica prevediamo di crescere grazie allo studio di nuovi prodotti e la continuità di iniziative a sostegno della rete. Inoltre puntiamo a sviluppare un terzo canale, che riteniamo strategico, quello della CPI/PPI bancaria.

Guardiamo oltre: e sul 2020, possiamo azzardare previsioni?

Non possiamo parlare di azzardo, in quanto un piano per il prossimo triennio l’abbiamo già fatto ed è un piano che esprime la visione strategica a livello di Gruppo su quale dovrà essere il contributo dato dalle succursali (Italia, Belgio e Lussemburgo). La parte di competenza dell’Italia andrà a rivestire un ruolo sempre più importante. Quindi, se dovessimo sintetizzare in poche parole direi “crescita, crescita e ancora crescita!”.

Giovedì, 07 Dicembre 2017 09:04

Leadership Forum 2017, Afi Esca ci sarà

Pochi giorni all’appuntamento annuale con il Leadership Forum 2017, che si terrà il prossimo 14 dicembre a Milano presso l’hotel Principe di Savoia. 

L’evento, che quest’anno partirà dal tema “Superando gli Ostacoli del Mercato” vedrà confrontarsi nell’arco dell’intera giornata i principali attori del mercato della consulenza creditizia. 

Tra i protagonisti anche Afi Esca che sarà presente per tutta l’intera giornata con un desk espositivo. 

Vi aspettiamo il 14 dicembre prossimo al Leadership Forum 2017.

Capita spesso di acquistare una vettura attraverso un finanziamento, cui è legata una polizza a protezione dello stesso. Ebbene il caso appena esposto rientra tra le normali procedure previste dalle concessionarie di autovetture per coloro i quali vogliono diventare possessori della tanto desiderata vettura. Ma dietro l’angolo le cose si possono complicare: conflitti di interesse tra gli attori in campo – case automobilistiche, entità che erogano il finanziamento e compagnie di assicurazioni -, parametri e costi delle polizze non proprio in linea con l’andamento di mercato e indicatori di sinistralità molto contenuti, sono tra le insidie principali cui fare attenzione.

 

Il quadro di questa situazione è stato ben delineato dall’IVASS nella recente “Indagine sulle polizze abbinate ai finanziamenti per l’acquisto di autoveicoli”. Nel documento, l’Istituto di vigilanza, con l’aiuto del mondo dell’associazionismo consumatori, ha stilato una serie di consigli a tutela del consumatore, in base ai quali la fatidica firma a sottoscrizione dell’acquisto a rate non prevede sgradevoli sorprese in corso d’opera.

Leggi tutto