Reclami

Reclami

Ai sensi del Regolamento n° 24 del 19 maggio 2008 emanato dall’allora ISVAP, si elencano di seguito le modalità di presentazione di un reclamo.

L’obiettivo di Afi Esca è quello di fornire in ogni caso un servizio di eccellenza.

Come presentare un reclamo alla Compagnia

I clienti non soddisfatti dei servizi ricevuti, possono comunicarci i loro reclami riguardanti il rapporto contrattuale o la gestione dei sinistri scrivendo:

  • Per mezzo mail a reclami@afi-esca.com;
  • Per mezzo pec a afi-esca@legalmail.it;
  • Per mezzo posta, indirizzato a “Afi Esca S.A Rappresentanza Generale per l’Italia, Ufficio Reclami, Via Vittor Pisani, 5 – 20124 Milano MI”

Il reclamo dovrà contenere:

  • Nome, cognome, indirizzo completo e recapito telefonico del reclamante;
  • Numero della polizza e nominativo del contraente;
  • Indicazione del soggetto o dei soggetti di cui si lamenta l’operato;
  • Breve descrizione del motivo della lamentela;
  • Ogni altra indicazione e documento utile per descrivere le circostanze.

Sarà cura della Compagnia comunicare gli esiti del reclamo entro il termine di 45 giorni dalla data di ricevimento dello stesso.

Come presentare un reclamo a IVASS

Qualora l’esponente non si ritenga soddisfatto dell’esito del reclamo o in caso di assenza di riscontro nel termine massimo di 45 giorni, potrà rivolgersi all’IVASS, Servizio Tutela degli Utenti, Via del Quirinale, 21, 00187 Roma (fax 06.42.133.745 oppure 06.42.133.353) avendo cura di indicare i seguenti dati:

  • nome, cognome e indirizzo dell’esponente, con eventuale recapito telefonico;
  • indicazione del soggetto o dei soggetti di cui si lamenta l’operato;
  • breve descrizione del motivo di lamentela;vcopia del reclamo presentato all’impresa di assicurazione e dell’eventuale riscontro fornito dalla stessa;
  • ogni documento utile per descrivere le circostanze.

Eventuali reclami non relativi al rapporto contrattuale o alla gestione dei sinistri, ma relativi alla mancata osservanza di altre disposizioni del Codice delle assicurazioni, delle relative norme di attuazione, nonché delle norme sulla commercializzazione a distanza dei prodotti assicurativi, possono essere presentati direttamente all’IVASS secondo le modalità sopra indicate.

Non rientrano nella competenza dell’IVASS i reclami in relazione al cui oggetto sia stata già adita l’autorità giudiziaria.

In relazione alle controversie inerenti alla quantificazione dei danni e l’attribuzione della responsabilità che implichi un accertamento del fatto, Le ricordiamo che permane la competenza esclusiva dell’Autorità Giudiziaria, oltre alla facoltà di ricorrere a sistemi conciliativi ove esistenti.

L’IVASS, ricevuto il reclamo, e accertata la presenza di un sistema estero competente, lo inoltra senza ritardo a tale sistema, dandone notizia al reclamante.

Come presentare reclamo all’Autorità di Vigilanza Estera

L’Autorità di Vigilanza del Paese di origine di AFI ESCA è l’ACPR (Autorité de Contrôle Prudentiel et de Résolution) alla quale possono essere inviati reclami seguendo la procedura indicata sul sito: acpr.banque-france.fr, oppure per mezzo posta al seguente indirizzo: 4 Place de Budapest CS 92459, 75436 Parigi, Francia

Sistemi alternativi di risoluzione delle controversie

In caso di controversie in materia assicurativa diverse da quelle per le quali in polizza è prevista la perizia contrattuale o l’arbitrato, Le ricordiamo la necessità di ricorrere alla mediazione obbligatoria (decreto legislativo 28/2010), in quanto prevista come condizione di procedibilità dalla legge per le controversie in materia assicurativa.

Resta comunque salva la facoltà di adire direttamente l’Autorità Giudiziaria.

Liti transfrontaliere

Per la risoluzione delle liti transfrontaliere, il reclamante avente domicilio in Italia può presentare reclamo all’IVASS o direttamente al sistema estero competente, chiedendo l’attivazione della procedura FIN-NET, individuabile accedendo al sito Internet: europa.eu/fin-net.

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021

Condividi l’articolo: