Codice etico di AFI ESCA

Codice etico di AFI ESCA

AFI ESCA sancisce, nell’ambito del Modello organizzativo i seguenti principi etici e di condotta.

Principio generale – Rispetto della legge

AFI ESCA riconosce come principio imprescindibile il rispetto della normativa vigente da parte di tutti i Destinatari.

Onestà e correttezza

L’onestà rappresenta il principio fondamentale per tutte le attività di AFI ESCA e costituisce elemento imprescindibile della gestione d’impresa.

Il comportamento dei Destinatari nello svolgimento delle loro attività deve essere, pertanto, improntato a criteri di correttezza, collaborazione e lealtà.

Imparzialità e Conflitto di Interessi

I Destinatari devono evitare situazioni e/o attività che possano condurre a conflitti di interesse con quelli di AFI ESCA o che potrebbero interferire con la loro capacità di prendere decisioni imparziali.

I Destinatari, in caso di conflitto di interessi, devono innanzitutto astenersi dal concorrere, direttamente o indirettamente, ad ogni decisione o deliberazione relativa alla materia cui il conflitto afferisce.

Principio di lealtà e fedeltà

Tutti i Destinatari devono considerare il rispetto delle norme del Codice Etico come parte essenziale delle loro obbligazioni nei confronti di AFI ESCA.

Trasparenza e completezza delle informazioni

AFI ESCA si impegna ad informare in modo chiaro e trasparente tutti i Destinatari relativamente alla propria situazione ed al proprio andamento in relazione al rapporto instaurato con gli stessi, senza favorire alcun gruppo di interesse o singolo individuo.

Informazioni riservate e tutela della privacy

Il trattamento al quale saranno sottoposti i dati raccolti nelle banche dati e negli archivi con la modulistica specifica aziendale, sarà diretto esclusivamente all’espletamento da parte di AFI ESCA delle finalità attinenti all’esercizio della propria attività. I Destinatari sono tenuti a tutelare la riservatezza di tali dati e ad adoperarsi affinché siano osservati tutti gli adempimenti previsti dalla normativa in materia di privacy.

Tutela del patrimonio

Ciascun Destinatario è direttamente e personalmente responsabile della protezione e conservazione dei beni, fisici ed immateriali, e delle risorse, siano esse materiali o immateriali, affidategli per espletare i suoi compiti, nonché all’utilizzo delle stesse in modo conforme all’interesse sociale.

Informativa contabile e gestionale

Tutte le transazioni e le operazioni effettuate devono avere una registrazione adeguata e deve essere possibile la verifica del processo di decisione ed autorizzazione delle medesime.

Per ogni operazione vi deve essere un adeguato supporto documentale, al fine di poter procedere alla effettuazione di controlli che attestino le caratteristiche e le motivazioni delle operazioni e consentano di individuare chi ha autorizzato, effettuato, registrato e verificato l’operazione stessa.

Le informazioni che confluiscono nella contabilità devono attenersi ai principi di chiarezza, trasparenza, correttezza, completezza ed accuratezza.

Ogni alterazione, modifica che dovesse emergere rispetto a quanto una determinata funzione aziendale abbia in evidenza, va immediatamente segnalata all’Organismo di Vigilanza.

Antiriciclaggio

AFI ESCA non dovrà in alcun modo ed in nessuna circostanza, essere implicata in vicende relative al riciclaggio di denaro proveniente da attività illecite o criminali.

AFI ESCA si impegna a rispettare tutte le norme e disposizioni, sia nazionali che internazionali, in tema di riciclaggio.

Prima di stabilire relazioni o stipulare contratti con partner in relazioni d’affari di lungo periodo i Destinatari sono tenuti ad assicurarsi circa l’integrità morale e la reputazione della controparte.

I Destinatari non devono promettere o offrire pagamenti o beni o altre utilità per promuovere o favorire gli interessi di AFI ESCA.

Fornitori

La scelta dei fornitori e la determinazione delle condizioni di acquisto devono essere effettuate sulla base di una valutazione obiettiva e trasparente che tenga conto, tra l’altro, del prezzo, della capacità di fornire e garantire servizi di livello adeguato e del possesso dei requisiti richiesti.

Rapporti con la Pubblica Amministrazione

L’assunzione di impegni con la Pubblica Amministrazione e con le Pubbliche Istituzioni, comprese le Autorità di Vigilanza, è riservata esclusivamente al Branch Manager.

I Destinatari non devono promettere o offrire a Pubblici Ufficiali o a dipendenti in genere della Pubblica Amministrazione o di Pubbliche Istituzioni o a loro parenti, sia italiani che di altri paesi, pagamenti, beni e/o altre utilità, per promuovere o favorire gli interessi di AFI ESCA, salvo che si tratti di doni o utilità di modico valore.

Quando è in corso un qualsiasi altro rapporto con la Pubblica Amministrazione, i Destinatari o i soggetti terzi che rappresentano AFI ESCA non devono cercare di influenzare impropriamente le decisioni della controparte, né quelle dei funzionari che trattano o prendono decisioni per conto della Pubblica Amministrazione o di Pubbliche Istituzioni.

In tutti i rapporti con la Pubblica Amministrazione e con le Pubbliche Istituzioni AFI ESCA si impegna a dare piena e scrupolosa attuazione alla normativa ed alla disciplina regolamentare applicabile, con particolare riguardo alla legge 190/2012, al d.lgs. 165/2001 e ai Piani per la prevenzione della corruzione da queste adottati.

Organi di informazione

I rapporti tra AFI ESCA ed i media sono decisi ed attuati dal Branch Manager.
Le informazioni e le comunicazioni fornite dovranno essere veritiere, complete e accurate.
Divieto di illeciti che possono coinvolgere la Società ai sensi del D.Lgs. 231/2001

AFI ESCA ritiene di dover vietare espressamente quelle condotte criminose che possono comportare il suo coinvolgimento in sede penale ai sensi del Decreto Legislativo 231/2001.

E’ assolutamente contraria all’interesse di AFI ESCA la commissione o tentata commissione dei reati previsti nel D.Lgs. 231/2001 e presi in considerazione nel proprio Modello organizzativo.

Il Codice Etico è richiamato nei contratti stipulati con terze parti.

Condividi l’articolo: